top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreCostanza Ciminelli

Marta Morazzoni, per Il Sole 24 Ore, su Carmen Laforet

Aggiornamento: 23 gen


Pubblicato per la prima volta negli anni Quaranta del Novecento e a suo tempo pluripremiato, Nada è considerato il capolavoro di Carmen Laforet, allora giovanissima autrice, scomparsa nel 2004, e oggi collocata ai vertici della letteratura spagnola del secolo scorso.

Riemerso dall'oblio grazie all'opera di recupero di Cliquot, il libro racconta della diciottenne Andrea che, alla fine della guerra civile, arriva a Barcellona piena di speranze per studiare all’università. Le sue aspettative si scontrano però con l'ambiente umano violento e degradato della casa della nonna e degli zii materni dove va ad abitare. Un microcosmo fondato su vessazioni, barbaro materialismo, che, dietro la facciata di perbenismo borghese, nasconde il “nada”, il nulla che dà titolo al romanzo.

Morazzoni ne offre una recensione accurata, acuta, che rivela di una scrittura acerba, ma avvertita gli aspetti essenziali di maggior pregio, la sensibilità, gli sprazzi di luce, la forza radicale.


L'operazione editoriale di Cliquot rappresenta un'occasione imperdibile per riscoprire quello che è reputato essere il miglior romanzo spagnolo del dopoguerra.



Il Sole 24 Ore Domenica_C. Laforet_Nada_Cliquot Edizioni
.pdf
Scarica PDF • 1.01MB


Ulteriori informazioni:

Cliquot Edizioni:


Ulteriore rassegna:
















0 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page